v La strategia del blog Wordpress di un web marketing specialist | Luigi Nervo
Luigi Nervo, web marketing specialist di Torino

Luigi Nervo, web marketing specialist di TorinoSono Luigi Nervo, Web Marketing Specialist di Torino specializzato in Seo, Sem, pubblicità su Google AdWords, strategie di comunicazione online, ecommerce, Google Analytics, social media. Per sapere più precisamente di che cosa mi occupo, vi invito a consultare il mio curriculum online. Questo è il primo articolo del mio blog e mi piacerebbe spiegare perché ho deciso di creare un sito personale su WordPress e svelare alcuni segreti della strategia che ne sta alla base. Innanzitutto gli obiettivi, il vero punto di partenza di ogni strategia di marketing online e offline. Lo scopo di questo blog su WordPress è quello di farmi conoscere nell’ambiente del web marketing mettendo in luce le mie competenze e le mie esperienze. Questa pratica viene chiamata personal brending e consiste nel creare awareness intorno alla persona. Non si tratta di diventare una star, ma di acquisire credibilità e autorevoleza nel settore di riferimento. L’awareness a sua volta deve sottostare ad un obiettivo più grande che è quello di catturare opportunità che significa contatti diretti. Quindi chi viene sul mio sito, alla fine del suo percorso dovrebbe cliccare su uno dei link o dei form per interagire con me. Più riesco ad ottenere un alto tasso di conversione, più il mio sito funziona. Come fare a raggiungere questi obiettivi? Il primo passo è generare traffico. Per il momento non ho intenzione di spendere in pubblicità a pagamento su Google AdWords (sarà probabilmente un’attività futura), quindi devo puntare tutto sul Seo e sui social network. All’inizio dovrò lavorare molto sui contenuti, studiando bene quali sono le parole chiave più rilevanti e scrivendo articoli che evidenzino questi termini. Ma devono essere anche interessanti in modo da catturare anche l’attenzione del pubblico, non solo quella degli spider dei motori di ricerca. Non è semplice posizionarsi in un settore che ha così tanta concorrenza sul web, ma con il tempo e la dedizione si possono ottenere risultati. La comunicazione sui social inclusa nella mia strategia punta molto su Linkedin, Twitter e Google +. Preferisco mantenere Facebook per un utilizzo più personale. I tre social network da me scelti permettono di condividere i contenuti con un pubblico ristretto ma molto significativo: si tratta per la maggior parte di persone che operano nel mio settore o comunque in ambienti vicini e che quindi possono essere più predisposti a contattarmi per inoltrarmi delle proposte. Dopo aver portato sul sito le persone che mi interessano strategicamente, devo fare qualcosa per intrattenerle e non farle scappare. In altre parole, devo curare quello step del funnel di vendita che viene chiamato interest. La soluzione più ovvia è quella di scrivere cose interessanti, ma non basta. È bene linkare tra di loro gli articoli con collegamenti pertinenti in modo da aumentare il tempo medio delle visite che si può consultare con Google Analytics. A questo punto il mio target dovrebbe essere ormai attirato e inchiodato al sito. Con contenuti interessanti aumento la mia reputazione online, ma per essere ancora più credibile mi occorrono altre fonti. Ed è qui che tornano in gioco i social network. per questo motivo ho inserito i migliori social widget per WordPress che mi permettono di collegare tutti i miei account, favorendo l’interazione e la cooperazione tra canali diversi. E i link ai siti aziendali aggiungono qualcosa sul mio conto e portano un pò di traffico in più verso questi siti che non fa mai male. Ho creato awareness generando traffico, interest con contenuti interessanti e a questo punto c’è il terzo step, il desire: devo convincere il visitatore a contattarmi per avanzare un’offerta. Come? Spiegando bene quello che so fare e di cosa mi occupo. A questo scopo ho percorso due strade. La prima è quella più diretta del link al mio curriculum dove si può trovare tutta la mia esperienza formativa e professionale. La seconda è più indiretta e consiste nella creazione di sei pagine per altrettanti settori della mia attività: le strategie di web marketing, la comunicazione, il web search e l’ecosistema Google, l’ecommerce, i social media e la creazione di siti Internet. Queste, con l’aggiunta dei miei lavori, sono anche le categorie del mio sito. Nelle pagine citate spiego che cosa sono questi macrotemi e che cosa io sono in grado di fare. Alla fine ovviamente c’è un invito a contatattarmi.

Infine arriva il fatidico call to action che è il tanto agognato contatto diretto della persona interessata. Per favorirlo, ho disseminato il sito di link al mio indirizzo e-mail (se interessati ve lo ricordo: luigi.nervo@gmail.com) e  ho sistemato dei pulsanti con dei form da compilare sia nel blog che nella pagina curriculum.

Alla fine, se tutto andrà bene avrò generato delle lead di vendita della mia professionalità. Riuscirò ad ottenere il risultato sperato? Lo sapremo nel corso del tempo. Intanto continua a seguirmi, visita il sito e, se sei interessato, contattami.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *