Quante persone hanno visto i post pubblicati su Facebook? Chi sono i fan? Quanti di loro hanno interagito? Vedere le statistiche della pagina Facebook e riuscire ad interpretarle è fondamentale per pianificare i contenuti più adatti e continuare a crescere.

Aumentare il numero dei fan su Facebook è gratificante, ma non è l’aspetto più importante: i social sono fatti per dialogare con i follower, quindi le interazioni con i post sono il vero tesoro della pagine, mentre conoscere le caratteristiche dei fan è il valore aggiunto. Sono da considerare anche gli obiettivi della pagina Facebook: per esempio ottenere traffico sul sito, generare prenotazioni, vendite online o richieste di preventivo, ottenere visualizzazioni e fare branding.

Una volta chiarite quali sono le cose importanti e decisi gli obiettivi, è il momento di vedere le statistiche della pagina Facebook. La sezione si chiama Facebook Insights e possono accedere solo i profili che hanno dei ruoli di gestione. Si può accedere dal menu in alto sulla seconda riga, quella con lo sfondo bianco. Si apre una schermata con la panoramica, mentre sulla sinistra c’è un menu laterale con voci più dettagliate. È qui che andremo a leggere le statistiche più importanti della pagina Facebook.

Quanti sono i fan e quali sono le loro caratteristiche

Il primo dato che vediamo di una pagina Facebook è il numero dei fan che hanno messo Mi piace: siamo abituati a pensare che se ne ha tanti sia affidabile, ma non è sempre vero. Alcune pagine comprano nuovi fan, pratica molto rischiosa che potrebbe portare a penalizzazioni. Quello che ci interessa davvero è conoscere i nostri fan.

Nelle prime due schede di Facebook Insights abbiamo il numero di mi piace (i fan) e di follower. La differenza è che i fan hanno deciso di offrirti il loro supporto e lo fanno impegnandosi con il like; i follower invece hanno scelto di ricevere gli aggiornamenti della tua pagina nel loro feed di notizie. Di default i fan sono anche follower, ma possono disabilitare questa opzione; i follower invece non sono fan. In queste due schede Facebook mostra quanto sono cresciuti i fan e i follower, quelli nuovi (acquisiti in modo organico o a pagamento con la pubblicità) e quelli persi. La perdita di fan e follower potrebbe essere un segnale di allarme.

In basso, nella scheda persone vengono indicate le caratteristiche di fan e follower: età, sesso e città. Sono molto importanti le voci “Persone coinvolte” e “Persone raggiunte” che indicano rispettivamente gli utenti che hanno interagito con la pagina (like, commenti e condivisioni) e quelli che hanno visualizzato la pagina e i post anche se non seguono la pagina. Questi due grafici sono molto importanti perché ci descrivono le persone attive e quelle che siamo in grado di raggiungere con la nostra comunicazione.

Un dato interessante per capire meglio il nostro pubblico si trova nella sezione “Post”. Nella prima parte vediamo a che ora i fan sono online. Attenzione: il grafico segue il fuso orario del Pacifico, quindi per l’Italia dobbiamo aggiungere 9 ore. Questa informazione ci serve per pianificare la pubblicazione dei post.

Visualizzazioni della pagina e azioni

Dopo aver conosciuto i fan, possiamo vedere su Facebook Insights che cosa hanno visto. Iniziamo dalle “Visualizzazioni della pagina”. Qui è interessante sapere quante persone hanno visto le varie sezioni del sito (per esempio quanti hanno letto le informazioni) e da dove sono arrivate le persone (per esempio quanti sono arrivati dal sito web).

Spostiamoci adesso alle azioni sulla pagina. Questa sezione ci dice quante sono state le call to action, cioè le interazioni per chiedere indicazioni stradali o per telefonare, quanti hanno cliccato sul sito e quanti hanno interagito con il pulsante in evidenza. Si tratta di azioni importanti per un’attività locale che utilizza Facebook per ottenere clienti.

Visualizzazioni dei post e interazioni

Spostiamoci al cuore della comunicazione di una pagina Facebook: i post. Se una pagina Facebook non viene aggiornata periodicamente è inutile e le statistiche sulle visualizzazioni sono l’indicatore per capire se stiamo lavorando bene.

Nella sezione “Copertura” di Facebook Insights abbiamo una vista totale dei post pubblicati: qui possiamo sapere quanti utenti (anche quelli che non seguono la pagina) hanno visto i nostri post e quali sono state le interazioni: like, altre reazioni, condivisioni o commenti. Come detto in precedenza, sono le interazioni il metro di giudizio del nostro operato sui social.

Spostandoci nella sezione “Tipi di post”, nella parte alta possiamo vedere quale formato (per esempio foto, link, video) funziona meglio in termini di copertura e coinvolgimento. Più in basso abbiamo il dettaglio dei singoli post. È utile avere queste informazioni in un’unica pagina perché ci permette di capire, in base ai nostri obiettivi, quale formato, argomento o orario di pubblicazione funziona meglio sulla nostra pagina: è un ottimo spunto per migliorare.

Creator Studio per Facebook e Instagram

Creater Studio è un interfaccia più moderna di gestione della pagina che permette di accedere alle stesse statistiche di Facebook Insights. Qui ci sono statistiche anche per i contenuti avanzati di Facebook ed è possibile collegare la pagina Instagram per avere una visione più completa.

Come usare le statistiche Facebook Insights

Abbiamo visto come leggere le statistiche Facebook Insights più importanti. A questo punto occorre mettere in pratica le informazioni raccolte. Abbiamo una conoscenza più ampia del pubblico della pagina e sappiamo quali post funzionano. È il momento di utilizzare i dati per migliorare il piano editoriale social e crescere sempre di più.

Pin It on Pinterest